Valencia e Real Madrid stasera aprono il fuoco per la nuova Supercoppa spagnola in Arabia Saudita. In questa prima semifinale, sia Zidane che Celades cercano la formula migliore per danneggiare il rivale senza gran parte del loro arsenale offensivo: Bale e soprattutto Benzema a Madrid, e Rodrigo a Valencia, il cui contributo offensivo è molto più dei due gol che riflette il suo armadietto.

Sul lato bianco, la cosa logica è che la squadra giochi con un 9 e Mariano non conta, quindi l’opzione di Jovic rimane. La domanda è chi accompagnerebbe il serbo nell’attacco. Se Zidane mantiene il 4-4-2, è normale che Rodrygo formi al fianco del serbo. È vero che l’effetto del brasiliano, la cui apparizione è stata sorprendente, è un po ‘sfumato, ma ha un obiettivo e compare nei momenti più importanti.Per Jovic è una grande opportunità per dimostrare che può essere il nove del Real Madrid. L’altra opzione di Zidane sarebbe quella di inserire Vinícius per uno di questi due giocatori.

Il Madrid sta giocando un titolo e un’altra opzione per Zidane è quella di tirare la gerarchia e scommettere sui suoi tifosi da quando è arrivato a Madrid quattro anni fa. Con Jovic nove, Isco sarebbe il secondo attaccante a giocare dietro al serbo, dove si sente a suo agio, e sparerà anche a tutti i suoi centrocampisti visto che stanno attraversando un grande momento. Sarebbe il Madrid ad avere più controllo, con Casemiro, Valverde, Kroos e Modric così come Isco più avanzati.

Zidane può tornare sul 4-3-3 anche se non è la sua scommessa nelle ultime partite. Questo ti permette di giocare con persone più offensive.La cosa normale sarebbe con Jovic al vertice e Rodrygo e Vinícius più aperti. Ciò comporta l’inserimento di due dei cinque supporti. Casemiro, Valverde e Kroos sembrano fissi quindi Isco e Modric partiranno dalla panchina.

Le opzioni del Celades

L’espulsione di Rodrigo è stata una grave battuta d’arresto per il Celades. L’attaccante ispano-brasiliano è uno dei giocatori con il maggior contributo offensivo del Valencia, nonostante abbia segnato solo due gol in questa stagione. I suoi sei assist – è il secondo classificato in questo aspetto della Liga – lo rendono un giocatore decisivo quando si tratta di servire palle da porta per altri compagni di squadra.Quindi la sua assenza mantiene Maxi come riferimento in attacco per il completamento, ma Celades deve trovargli un compagno.

Il recupero di Gameiro -ha giocato anche gli ultimi minuti contro l’Eibar dopo aver superato diversi infortuni- permetterebbe all’allenatore di mantenere il sistema 1-4-4-2 anche se con il Celades non ha mai giocato insieme da titolare, Soprattutto perché l’attaccante francese è solitamente entrato di più come innesco per il secondo tempo. Hanno iniziato entrambi solo il secondo giorno, con Marcelino, nella sconfitta del Valencia a Balaídos.

Con il Celades, Gameiro ha iniziato da titolare (Barcellona e Chelsea), fino a quando si è infortunato 10 minuti dall’inizio contro il Getafe, quando fu proprio sostituito da Maxi.Successivamente, l’attaccante uruguaiano non ha più rilasciato il titolo in cui si stava consolidando sulla base dei gol (sette in 16 partite di campionato) e in perfetta sintonia con Rodrigo.

Infatti, finora in questa stagione Maxi e Gameiro hanno coinciso in campo solo per 222 minuti, con un altro dato significativo: essendo entrambi in campo hanno segnato un solo gol, entrambi Maxi nei tempi di recupero contro il Barcellona (l’uruguaiano entrato al 70 ‘da Rodrigo e Gameiro, che aveva iniziato, ha segnato al 27’).

Alternativa di Ferran

Nella partita contro il Real di questa stagione, il Celades ha apportato una variazione inserendo Ferran Torres come attaccante con Rodrigo. Per fare questo, è avanzato a Wass sulla fascia destra e ha messo Jaume Costa sul lato sinistro.La differenza è che ora Ferran dovrebbe interpretare Rodrigo e potrebbe preferire sorprendere Zinedine Zidane in un altro modo.

News Reporter