È stato in un momento simile, nello stesso pomeriggio di fine luglio, che Steve Bruce e Boris Johnson si sono rivolti per la prima volta al loro nuovo pubblico.

Il manager e il primo ministro del Newcastle si sono appena insediati e, sebbene abbracciando argomenti leggermente diversi, i rispettivi messaggi introduttivi di St James ‘Park e Downing Street avrebbero potuto essere redatti dallo stesso autore di discorsi.

Cambiamento e coraggio si sono rivelati temi centrali poiché più di un accenno di rivoluzione pervadeva la calda estate aria e, poco più di due mesi dopo, Johnson si attacca, con determinazione, alla sceneggiatura.Bruce, tuttavia, sembra aver ricordato tardivamente l’arte del compromesso. Il Leicester, ottimamente mobile, smantella il Newcastle da 10 uomini per arrivare terzo Leggi di più

Nell’introspezione dopo la sconfitta per 5-0 della scorsa settimana – o nelle sue parole ” arrendersi “- a Leicester, Bruce ha deciso di distruggere l’audace manifesto costellato di riferimenti al possesso, ai passaggi progressivi e all’high pressing di cui era stato così orgoglioso.

La consapevolezza che la sua squadra è preoccupantemente a corto sia Il ritmo di centrocampo lo ha visto rispolverare il vecchio progetto di contrattacco, ripetutamente perforato, lasciato dal suo predecessore, Rafael Benítez.

Dopo aver schierato quattro formazioni – tra cui, disastrosamente, una difesa a quattro Leicester – in sette partite di campionato, l’allenatore del Newcastle sa che non è un caso che l’unica vittoria della sua squadra sia arrivata quando ha testato su strada il 3-4-3 di Benítez al Tottenham.

Nella seconda metà della scorsa stagione questo formazione mimetizzata debolezza individuale mentre creava collettività La forza e Bruce ora accetta privatamente la sua impressione iniziale che mancava di ambizione era mal riposta.Prima della visita del Manchester United domenica è stata attuata una stridente inversione di marcia.

“Per il prossimo futuro la squadra giocherà, sfortunatamente, come dobbiamo impostare”, ha detto Bruce. “Questo è difendere in profondità e, si spera, giocare in contropiede. Questa sarà la nostra identità perché è l’unico modo in cui possiamo giocare. Le volte che ho provato a cambiarci non ha funzionato davvero.

“Ho subito capito che non avevamo i giocatori con la capacità di giocare nel modo che avevo previsto. Otteniamo statistiche da ogni partita e raccontano la storia.Rispetto ad altre squadre e, soprattutto a centrocampo e in difesa, ci registriamo in un certo modo “.

Queste statistiche evidenziano una mancanza di sprint esplosivi, limitando fortemente la possibilità della squadra di cambiamenti di ritmo potenzialmente devastanti.

La soluzione di Benítez era la ripetizione infinita; non ha avuto remore a sottoporre i giocatori del Newcastle alle stesse, apparentemente interminabili, esercitazioni quotidiane a terra.A volte la squadra probabilmente si sentiva come gli scolari delle generazioni passate che recitavano le loro tabelle di matematica, ma il rispetto per lo spagnolo vincitore del trofeo seriale era tale da farli entrare in un regime che molti ora sembrano desiderare.

Anche se Bruce è molto apprezzato, si dice che alcuni professionisti senior manchino della chiarezza, della microgestione e del quadro tattico solido e attentamente strutturato di Benítez. “I giocatori sono con me”, ha detto con fermezza l’attuale allenatore. “Non c’è dubbio al riguardo.”

Anche così, erano chiaramente diventati un po ‘demotivati, se non sconcertati. “Capisco che l’allenatore stesse cercando di spiegare un tipo di stile che voleva che facessimo a Leicester”, ha detto Martin Dubravka, il portiere. “Ma sfortunatamente non ha funzionato. È stato imbarazzante. Nessuno ha parlato durante il volo di ritorno. L’aereo era silenzioso.È stato orribile “. The Fiver: iscriviti e ricevi la nostra email quotidiana sul calcio

Sarebbe ingenuo suggerire che, premendo un interruttore e tornando alla filosofia di Benítez, tutto andrà bene. Bruce sostiene sempre che le squadre siano buone quanto i loro attaccanti, ma durante l’estate il Newcastle ha perso Salomón Rondón – la cui capacità di tenere la palla in alto ha offerto uno sbocco importante – e Ayoze Pérez. Con l’attaccante brasiliano Joelinton da 40 milioni di sterline che si sta ancora acclimatando, sono i marcatori più bassi della Premier League e, dannatamente, hanno avuto il minor numero di tiri e la minor quantità di possesso: una media del 33%.

Questa palla timida , la mentalità del gioco in contropiede è stata a lungo la modalità predefinita del Newcastle.Alan Pardew ha scherzato sul fatto che la sua squadra spesso sembra “più pericolosa senza palla che con essa”, ei tentativi di Steve McClaren di introdurre uno stile di passaggio paziente hanno portato al licenziamento e alla retrocessione.

La sfida di Bruce è evitare entrambi, ma le sue possibilità di rimanere in carica più a lungo dell’attuale primo ministro rimangono poco chiare.

“Mi è stato gettato del fango da quando ho varcato la porta”, ha detto un uomo che guardò vicino alle lacrime a Leicester. “Non saresti umano se non ti influenzasse, ma io sono un resiliente così e così. Sono determinato a ribaltare la situazione. “

News Reporter