I Giochi Olimpici di Tokyo 2020 sono dietro l’angolo e le squadre di calcio U23 devono qualificarsi per poter partecipare al grande evento olimpico.Con le preolimpiche europee (classificate Francia, Germania, Romania e Spagna), oceaniche (classificate Nuova Zelanda) e africane (classificate Egitto, Costa d’Avorio e Sud Africa), manca quella sudamericana (si gioca dal 18 gennaio al 9 febbraio) , la nordamericana (dal 20 marzo al 1 aprile) e quella asiatica, che partirà l’8 gennaio in Thailandia e, fino al 26, annuncerà le tre squadre che accompagneranno il Giappone ospitante alle Olimpiadi estive .

Quella del 2020 sarà la settima partecipazione consecutiva per il Giappone, che giocherà questo torneo senza pretese maggiori che formare una squadra competitiva per i suoi Giochi Olimpici.Altri favoriti sono la classica Corea del Sud (otto partecipazioni di fila finora), il Qatar (attuale campione asiatico assoluto) o l’Iraq (due partecipazioni nelle ultime quattro edizioni).

Sebbene questo torneo sia di solito una lotteria di calcio (dalla prima edizione nel 2013 è stato vinto da Iraq, Giappone (2016, la prima volta ha agito come qualificazione olimpica) e Uzbekistan (2018), alcuni dei migliori calciatori asiatici a livello attuale hanno attraversato questo torneo come il Qataris Abdelkarim Hassan (Pallone d’Oro 2018), Akram Afif (Pallone d’Oro 2019) o Almoez Ali (MVP della Coppa d’Asia 2019), il giapponese Shoya Nakajima, Minamino o Asano oi sudcoreani Hee-chan o Ui-jo, per citare alcuni esempi.

Ecco alcuni nomi che potrebbero brillare nel concorso asiatico e che potrebbero brillare in Europa in futuro…o ai Giochi Olimpici a breve termine.

Tarek Salman (Al Sadd / Qatar)

Tarek Salman costituisce, insieme a Mohammed Al-Bakri e Abdelrahman Moustafa, gli unici tre componenti di il Qatar campione assoluto dell’Asia negli Emirati 2019. Tuttavia, il centrocampista di Al Sadd è l’unico dei tre che è stato titolare regolare con quelli di Félix Sánchez. Un tale antipasto, che ha giocato tutte le 7 partite del torneo dall’inizio, giocando ogni minuto del torneo. Il difensore centrale destro, che può fungere da centrocampista difensivo, è stato una delle chiavi del titolo di Félix Sánchez. Il tecnico spagnolo, che dirige anche questo sub 23, ha affidato le chiavi alla sua squadra e prevedibilmente si ripeterà in questa categoria.Uno dei pilastri della squadra olimpica del Qatar.

Ao Tanaka (Kawasaki Frontale / Giappone)

Pallone di bronzo e l’unico calciatore non brasiliano ad essersi distinto individualmente nell’ultimo Torneo di Tolone, dove la squadra giapponese era seconda dopo aver perso contro Canarinha ai calci di rigore.Nominato giovane giocatore della stagione nella J-League 2019 nelle fila della Kawasaki Frontale, questo centrocampista difensivo ha conquistato il titolo la scorsa stagione ed è chiamato a guidare i giapponesi, guidati dall’allenatore assoluto Moriyasu, che anche Ha esordito con l’Assoluto.

Insieme a Tatsuya Ito, ex calciatore dell’Amburgo e attualmente a Sint-Truiden, proveranno a conquistare un titolo che avevano già conquistato nel 2013 con Minamino, Asano e Nakajima.

Chen Binbin (Shanghai SIPG / Cina)

La (nuova) grande speranza della Cina per il suo futuro nazionale. Il calciatore dello Shanghai SIPG, nominato come miglior junior del CSL 2019, è entrato nella squadra di Shanghai l’anno in cui ha conquistato la Lega cinese dopo sette stagioni di dominio da parte del Guangzhou ET.Di pari passo con l’allenatore sudcoreano Park Hang-seo, anche lui dell’Assoluto, il Vietnam ha notevolmente migliorato le sue prestazioni nelle competizioni continentali (ha raggiunto i quarti di finale nell’ultima Coppa d’Asia 2019), soprattutto sulla base dei giovani talenti che hanno lasciato Quel calcio vietnamita dipende dalla leggenda Le Cong Vinh, ritiratosi nel 2016.

Uno dei suoi nomi più potenti, presente anche l’argento 2018, è quello di Nguyen Quang Ha, centrocampista di Hanoi e quale L’hang-seo gli ha anche dato la proprietà dell’Assoluto.Ha stupito all’Asia Cup 2019 con Nguyen Cong Phuong (fuori dal torneo da un anno) e ora toccherà a lui tirare la macchina.

Jeong Woo-yeong (Friburgo / Corea del Sud)

Il sudcoreano ha dovuto lasciare il Bayern per Friburgo per avere i minuti necessari per continuare la proiezione che lo ha portato a segno per i bavaresi nel 2017. Nonostante il fatto che nemmeno Friburgo abbia avuto molti minuti, Woo-yeung. L’esterno, che Hoeness disse ai suoi tempi che “potrebbe diventare un professionista al Bayern”, avrà una grande opportunità per brillare nella pre-olimpica del 2019.

News Reporter